Allora Arredamenti, a Riva Presso Chieri, da 100 anni arrediamo la tua casa

La cromoterapia per arredare in armonia la propria abitazione

Arredamento e cromoterapia. Un binomio importante per preservare il benessere psicofisico tra le pareti domestiche. La terapia dei colori è una medicina alternativa basata sull’utilizzo dei colori. O meglio sulle reazioni che i vari colori innescano nel nostro organismo.

Non fa eccezione neanche l’arredamento. Sono infatti tante le persone che da sole o con l’aiuto di un arredatore decidono di ricorrere alla cromoterapia per creare all’interno della propria casa degli ambienti armoniosi ed in grado di allontanare lo stress.

Le origini della cromoterapia

Le prime pratiche cromoterapiche risalgono all’antico Egitto. Secondo la mitologia, la scoperta della terapia dei colori è da attribuire al dio Thot. In quell’epoca ogni colore aveva un nome che ne identificava la funzionalità. Il nero era infatti il simbolo di fertilità, il giallo rappresentava la divinità solare mentre il rosso la tonalità del sangue e e del fuoco. Più tardi anche gli Indiani, i Greci e gli Antichi Romani si affidarono alla cromoterapia per trattare diversi disturbi.

Quali colori vanno utilizzati nei vari ambienti dell’abitazione

In zona giorno ed in cucina i colori consigliati sono il giallo, l’arancio, l’oro, il bianco e l’argento. Questo perché queste tonalità stimolano il buonumore, l’attività, la creatività e sollecitano l’attività cerebrale agevolando il dialogo ed il ragionamento.

Nella zona notte, invece, vanno utilizzati quei colori che inducono il rilassamento e la tranquillità e aiutano a ridurre l’attività cerebrale. Dall’azzurro al verde chiaro, dal rosa pastello al giallo chiaro fino ad arrivare ai colori tenui. Al contrario, invece, nelle aree di lavoro è importante stimolare l’attività cerebrale e l’equilibrio psicofisico.

Sono quindi particolarmente adatti per questi ambienti l’arancio, il lilla, l’argento, il verde vivace e l’azzurro. Inoltre è importante arricchirli con dei complementi d’arredo e anche con particolari murari, luci, piante e quadri. L’indaco, particolarmente adatto alle persone tese e nervose, è invece un colore riposante che può essere utilizzato in tutti gli ambienti della propria abitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: